Premier League, Tottenham-Chelsea 2-4. I blues dominano a White Hart Lane

Non c’è stata storia; il Chelsea domina uno degli innumerevoli derby di Londra, finendo per battere a domicilio il Tottenham 4-2. Punteggio che, per quanto visto nei 90 minuti, sta stretto agli uomini di Di Matteo che avrebbero meritato uno scarto più ampio. Senza Terry, cominciano le tanto discusse 4 giornate di squalifica per razzismo, da una parte e Bale dall’altra, ad essere più penalizzati sono di certo più gli Spurs, che subiscono la qualità a tratti debordante degli avversari per tutti i primi 45 minuti. Se poi anche Cahill, uno dei più ruvidi centrali difensivi d’Europa, si inventa un gol in girata dal limite dell’area (sponda involontaria di Gallas su azione di calcio d’angolo), allora è notte fonda. Oscar, Hazard e Ramires congelano il possesso palla, i padroni di casa si fanno vedere soltanto con una conclusione strozzata di Sigurdsson così il Chelsea all’intervallo va avanti di una rete, ma lasciando sul campo una sensazione di superiorità imbarazzante.

 

Eppure, i primi 10 minuti della ripresa sembrano ribaltare la scena: al 46′ Huddlestone batte un calcio di punizione dalla trequarti, Vertonghen di testa libera Gallas che mette dentro aiutandosi anche con un tocco di mano quasi impercettibile. White Hart Lane si infiamma, Villas Boas ci crede e al 55′ incredibilmente i padroni di casa si ritrovano in vantaggio; tiro sballato di Lennon, Defoe a centro area riesce di istinto a girare di prima verso la porta di Cech, incolpevole. Il 2-1 è quasi un’onta a quanto visto sul terreno di gioco, così il Chelsea non perde la testa e ricomincia a macinare gioco. Basta solo aspettare e, come spesso accade nel calcio, il più forte viene fuori. La difesa del Tottenham comincia ad accusare preoccupanti svarioni, così a metà ripresa Mata pareggia calciando di prima, nell’angolino sinistro basso della porta difesa da Friedel, ancora preferito a Lloris, una corta respinta di Gallas. Il genietto spagnolo poi, dopo tre minuti, sigla la doppietta sfruttando al meglio il solito assist geniale di Hazard. Tutto giusto, anche il 4-2 finale di Sturridge, liberato a un metro dalla porta dal passaggio decisivo ancora di Mata. Di Matteo vola in classifica, settima vittoria accompagnata da un solo pari, per Villas Boas l’effetto Old Trafford pare essere già svanito.

Tottenham-Chelsea 2-4. 18′ Cahill, 47′ Gallas (T), 54′ Defoe (T), 66′ Mata, 69′ Mata, 90′ Sturridge

COPY CODE SNIPPET
About Alfonso Alfano 1738 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.