Liverpool: niente stadio nuovo, verrà ristrutturato il vecchio Anfield

Il calcio inglese raccoglie numerosi ammiratori alle più svariate latitudini non solo per la qualità dello spettacolo offerto, ma anche per il profumo della tradizione che, seppur affievolito da contratti milionari e telecamere sempre più invadenti, viene preservato come in nessun altro campionato. E’ forte il legame con la maglia, i colori, i canti. E lo stadio. Drammatica è stata è stata la scelta dell’Arsenal, che ha detto addio ad Highbury per trovare dimora all’Emirates Stadium. Un impianto bello da tutti i punti di vista, ma una ferita nel cuore di tanti che hanno faticato a salutare il vecchio tempio dei Gunners. Si è parlato di un ipotesi analoga per il Liverpool, circa un trasferimento a Stanley Park, eventualità scongiurata.

Niente stadio nuovo, almeno per il momento, verrà ristrutturato il vecchio Anfield Road. Il budget per i lavori ammonterà a circa 25 milioni di sterline, un costo piuttosto elevato che però consentirà di mantenere un altro patrimonio: la storia del club. Un po’ come accaduto per lo Juventus Stadium di Torino, i lavori prevedono la riqualificazione dell’area, soprattutto per quanto riguarda la viabilità. Ian Ayre, direttore esecutivo del club, ha spiegato la scelta: “Oggi rappresenta un giorno importantissimo per tutta l’area di Anfield, tutti ne conoscono l’importanza.

Nel 2012 il Liverpool festeggerà il suo 120° anno di vita e non c’è dubbio che Anfield sia la casa spirituale del club, per cui la nostra prima scelta è quella di restare qui”. La capienza dell’impianto verrà ampliata di circa 15 mila posti e saranno presenti gli immancabili centri commerciali. Il vecchio Anfield cambierà volto dunque, ma è consolante sapere che una storia cominciata nel lontano 1884 non è destinata a finire e dalla stessa Kop (magari un po’ più grande) potrà levarsi ancora quel “You’ll never walk alone” che campeggia sui cancelli di Anfield e nel cuore dei tifosi Reds.

COPY CODE SNIPPET
About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.