Liverpool, Suarez risponde alle accuse: “Io simulatore? C’è gente che vuole pubblicità…”

Luis Suarez non ne può più del frastuono che si è sollevato intorno a lui, dopo le accuse di Ferguson e dopo le di Jim Boyce, vicepresidente Fifa, che ha proposto una lunga squalifica per l’attaccante e lo ha definito un imbroglione per le simulazioni nell’area di rigore dello Stoke City. Tutti parlano, ognuno ha la sua ricetta, l’uruguayano  del Liverpool risponde attraverso le frequenze di una radio argentina:  “Non ho idea di chi sia questa persona – dice a proposito di Boyce – e non so nemmeno perché stesse parlando di me. Sicuramente è una persona che vuole farsi pubblicità parlando di me, visto che non lo conosce nessuno. Il mio lavoro è quello di giocare a calcio e di farlo nel modo migliore possibile, per me può continuare a parlare, non mi interessa. L’importante è che la Federcalcio uruguayana sia dalla mia parte. Ho trascorso tutta la mia vita con gente che amava parlare di me, visto non mi interessa ciò che si dice in giro”. Parole, quelle di Suarez, che sicuramente non contribuiranno a riportare il sereno.

COPY CODE SNIPPET
About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.